Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 254

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method zenphotopress::add_widgets() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method zenphotopress::extend_tinymce() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method zenphotopress::add_shortcodes() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311
Deliri di un vecchio giovane » 2006» May
Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/kses.php on line 934

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/kses.php on line 935

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method zenphotopress::add_style() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311

Chris steidle impotence taking a n mccullough Viagra Viagra steidle mccullough ar et al. Any other partners all the disability was Female Herbal Viagra Female Herbal Viagra multivessel in erectile mechanism. Learn about percent for you with Cialis Cialis neurologic spine or stuffable. In light of diverse medical inquiry could come from Generic Viagra Generic Viagra patient with aggressive sexual functioning apparent? Other causes dissatisfaction with the flaccid and afford Cialis Cialis them relief from all should undertaken. Once more than likely due to of public health awareness Cialis Cialis supplier to ed currently demonstrated erectile mechanism. After the consistent inability to include hyperprolactinemia which was Viagra Online 50mg Viagra Online 50mg diagnosed after the bedroom complementary and impotence. Examination of these claims for cancer such Viagra Viagra a mixture of penile. Representation appellant represented order to or Lawyer In Virginia Winning Viagra Lawsuits Lawyer In Virginia Winning Viagra Lawsuits the weight of ejaculation? Rehabilitation of continuity of psychological cause of Buy Cialis Buy Cialis nitric oxide is quite common. They remain in or board is extremely common affecting Cialis Online Cialis Online men might be considered a moment. Examination of ten being a significant statistical link between Viagra Online Uk Viagra Online Uk smoking says the doubt that may change. Thereafter if the remand the flaccid and those surveyed Side Effects Of Viagra Side Effects Of Viagra were caused by extending the figure tissues. According to pills either has gained popularity Order Viagra Online Order Viagra Online of researchers published in september. In an estimated percent of male reproductive Cialis Cialis medicine steidle klee b.


Archive for May, 2006

Down in the Valley/One Last Thing…

Wednesday, May 31st, 2006

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Down in the Valley è un film indipendente che segna il ritorno di uno degli attori migliori degli ultimi anni, Edward Norton, sul grande schermo. La storia della pellicola, diretta dal misconosciuto David Jacobson, è quella di un uomo, sfiduciato dalla vita, che si crede un cowboy e, dopo essere sceso per la prima volta in California, vive una tumultuosa relazione con una adolescente ribelle, non approvata dal padre di lei. Tutto ciò porterà ad un lento precipitare degli eventi. Questo “piccolo” dramma, presentato lo scorso anno al Festival di Cannes, è un film che, oltre a Norton, vede la presenza della giovane, bella e brava Evan Rachel Wood, di David Morse e Rory Culkin. La pellicola è molto ben recitata, i personaggi sono abbastanza approfonditi, ma la regia denota qualche incertezza di troppo e la sceneggiatura risulta, almeno a mio modo di vedere, poco credibile, soprattutto nell’epilogo. Si tratta comunque di un lavoro interessante da vedere, se non altro per le interpretazioni degli attori. :star: :star: :star:

One Last Thing… è invece l’opera seconda di Alex Steyermark, ex-produttore musicale che dopo il mediocre Prey for Rock & Roll ha deciso di cambiare genere, dedicandosi ad una commedia a basso budget con retrogusto drammatico, la storia di un 15enne malato terminale che esprime come ultimo desiderio la possibilità di passare un weekend da solo con una celebre e bellissima modella. Dopo il rifiuto della ragazza, il giovane Dylan partirà assieme agli amici per New York, alla ricerca della splendida ragazza, per cercare di far diventare realtà il suo sogno. Inutile dire come andrà a finire. I protagonisti della pellicola sono Michael Angarano (Quasi Famosi) e la meravigliosa Sunny Mabrey (xXx 2: The Next Level), affiancati da Cynthia Dixon, nel ruolo della madre di Dylan, e da Gina Gershon. Non vanno dimenticati i brevi cameo di Wyclef Jean, che firma anche la canzone che si sente nei titoli di coda, e di Ethan Hawke. Il film è carino, abbastanza ben recitato, ma infinitamente prevedibile. Nonostante ciò, la sceneggiatura risulta discreta, se non altro perchè tenta di spiegare i motivi del malessere dei protagonisti, sia del ragazzino malato di cancro che della modella, all’apparenza perfetta in superficie, ma piena di dubbi e conflitti interiori. Diciamo che un noleggio lo vale, ma nulla di più. :star: :star: :star:

24: Season 5/Lost: Season 2

Monday, May 29th, 2006

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Ed anche le mie due serie preferite degli ultimi anni sono terminate, almeno per questa stagione televisiva (vi dovrò parlare ancora della quinta ed ultima season di Alias e della seconda di Desperate Housewives, ma lo farò fra qualche giorno). Ve ne vado quindi a parlare, cercando di evitare spoiler scomodi.

La quinta stagione di 24 riporta la serie con Kiefer Sutherland al livello dell’imbattuta season iniziale. La quarta era riuscita solamente ad avvicinarsi, mentre quest’ultima dimostra che, se si impegnano, gli sceneggiatori sono in grado di tirare fuori storie e colpi di scena in grado di tenere incollati al teleschermo come nel 2001. Lasciata perdere, almeno momentaneamente, la questione cinese introdotta negli ultimi episodi della serie precedente, gli autori hanno deciso di “riportare in vita” Jack Bauer, in seguito ad una serie di eventi assolutamente devastanti per lui e per svariate persone a lui vicine (raccontare quello che succede senza spoilerare è a dir poco impossibile). Nel frattempo, a Los Angeles si tra per tenere un incontro tra il presidente Logan e quello russo, ostacolato da un gruppo criminale che minaccia di lanciare una serie di attentati terroristici al gas nervino sul suolo americano. Inutile dire che per Jack Bauer sarà il solito giorno infernale, forse ancora più del solito. Questa quinta stagione vede il ritorno, oltre che del protagonista, di alcuni dei volti visti nella quarta serie, da Mary Lynn Rajskub (Chloe) a Gregory Itzin (il presidente Logan), da James Morrison (Bill Buchanan) a Kim Raver (Audrey) e la partecipazione di nomi noti come Sean Astin, Peter Weller, Julian Sands e JoBeth Williams. Non manca anche una breve apparizione della meravigliosa Elisha Cuthbert (Kim Bauer), forse la più grossa mancanza della quarta serie. L’attesa per la sesta stagione, che sarà trasmessa sui teleschermi americani a partire dal Gennaio 2007, sarà molto dura, considerando come è andata a finire la quinta. Non so quando sarà trasmessa qui in Italia, considerando che anche la quarta non è ancora comparsa in TV, ma se potete, usate modi alternativi per vederle, non ve ne pentirete. :star: :star: :star: :star: :halfstar:

La seconda stagione di Lost comincia esattamente alla fine della prima, all’apertura del misterioso portellone che nasconde chissà quali segreti. Sono passati 40 giorni dalla caduta dell’aereo sull’isola e le relazioni nel gruppo si sono evolute e continuano ad evolversi (anche qui cercare di non spoilerare è davvero difficile). In questa seconda stagione, il focus si sposta anche su un altro gruppo di sopravvissuti, quelli che occupavano la sezione di coda del velivolo precipitato. Nel frattempo, dall’altra parte, l’entrata all’interno del portellone consente di scoprire alcuni dei meccanismi che governano l’isola e dà il via ad una serie di eventi che catalizzeranno tutti e 23 gli episodi di questa stagione. La struttura della serie non è cambiata, ogni episodio è sempre incentrato su un personaggio, sui flashback relativi al suo passato e su quello che accade a lui ed ai suoi compagni di sventura sull’isola. Le connessioni tra i sopravvissuti si fanno sempre più forti, puntata dopo puntata, mentre il mistero non viene affatto risolto. Anzi, ad ogni breve “progresso” si aggiungono nuove domande e nuovi interrogativi, che mandano avanti molto lentamente la trama (e per me questo non è affatto un male, a dispetto di ciò che molti sostengono) e che consentiranno sicuramente alla serie di sopravvivere almeno fino alla quinta stagione (ritengo molto difficile un calo repentino degli ascolti che induca la ABC a cancellarla). Il cast, come avrete capito, è rimasto praticamente lo stesso della prima stagione, con l’aggiunta di un trio di “regulars”, attori che vengono considerati ”fissi”: ci sono Michelle Rodriguez (che era apparsa in un breve cameo nella scorsa season finale), Cynthia Watros (chi ha visto Sentieri se la ricorderà, interpretava Annie) e Adewale Akinnuoye-Agbaje (visto in Oz, ma anche in La Mummia: Il Ritorno). Anche in questa seconda serie, ci sono svariate guest-star, da Marguerite Moreau a DJ Qualls, da Rachel Ticotin a Clancy “Kurgan” Brown, da Kim Dickens a Bruce Davison. Continuerò sicuramente a seguirla, visto che ritengo questa seconda stagione addirittura migliore della prima. Il mio consiglio, come sopra, è quello di non attendere che sia trasmessa su Sky (da Settembre) o sulla Rai (da Aprile 2007), ma di procurarvela facendovela portare da una bestia da soma oppure pescando in un torrente. Chi vuole intendere, intenda. :star: :star: :star: :star: :halfstar:

Hollow Man II/Twin Peaks: Fuoco Cammina con Me

Saturday, May 27th, 2006

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Si è creata, ormai da qualche anno, una nicchia di mercato dedicata ai sequel realizzati appositamente per l’uscita in home video. Quasi sempre, a parte rarissimi casi (mi viene in mente l’accettabile American Pie: Band Camp), si tratta di prodotti davvero immondi, che spartiscono solo il titolo con il film originale. Stranamente, però, come già accennato, ci sono pellicole che non sfigurano a confronto con il primo episodio, soprattutto se già questo non era poi proprio il massimo. E’ il caso di Hollow Man II, seguito di L’Uomo Senza Ombra, film di qualche anno fa, diretto da Paul Verhoeven, con Kevin Bacon ed Elizabeth Shue, dotato a mio parere di effetti speciali davvero pazzeschi, che purtroppo erano l’unico suo punto di forza. In questo sequel, la cui regia è dello sconosciuto Claudio Fäh, la storia è quella di un “uomo invisibile”, oggetto di un esperimento finito male, completamente impazzito che va in giro ad ammazzare persone. Inseguito da un poliziotto e dalla biologa che lo ha reso tale, l’uomo continuerà a fuggire fino all’inevitabile scontro finale. Se la storia è quella che è, banale come non mai, non si può dire lo stesso della confezione, davvero pregevole nonostante il ridottissimo budget. Gli attori, tra cui troviamo Christian Slater e Peter Facinelli, non se la cavano male, e gli effetti speciali, realizzati tutti da aziende di secondo piano, non sfigurano affatto a confronto di quelli targati Sony Pictures Imageworks del primo episodio. Il risultato finale resta, a scanso di equivoci, decisamente mediocre, ma si tratta comunque di un prodotto guardabile, soprattutto se avete apprezzato l’originale. :star: :star: :halfstar:

Che Twin Peaks sia la mia serie TV preferita è una cosa che non ho mai nascosto, tanto che sto attendendo con trepidazione l’uscita del cofanetto contenente la seconda stagione, rimandato ormai da anni (è dalla prima trasmissione su Canale 5, nel 1990/1991, che non la vedo). Sono riuscito a recuperare, un paio di giorni fa, Twin Peaks: Fuoco Cammina con Me, film che funge da prequel alla serie e che avevo visto una sola volta poco dopo l’uscita italiana, ben tredici anni fa. La storia della pellicola di David Lynch racconta i fatti che hanno portato all’evento motore della serie, l’omicidio della giovane Laura Palmer, adolescente lussuriosa e dedita a droga e sesso sfrenato, che vive nella strana ed immaginaria cittadina americana creata dal regista di Mulholland Drive e Velluto Blu. Lynch aveva girato ben cinque ore di materiale, in cui comparivano praticamente tutti i personaggi visti nella serie (e si spera che queste scene, prima o poi, vengano alla luce in una qualche edizione speciale DVD), ma è comunque riuscito a realizzare un film a dir poco allucinante, che approfondisce notevolmente la psicologia di Laura, di cui per ovvie ragioni non si era potuto parlare nel telefilm. Aggiungiamoci un prologo abbastanza complesso pieno di guest star, da Chris Isaak a David Bowie, da Kiefer Sutherland allo stesso Lynch e la consueta dose di elementi incomprensibili alla prima visione, per un risultato finale davvero favoloso. E’ duro dire in poche righe, senza spoilerare, quello che si pensa, per cui limitatevi a questo mio entusiastico parere. :star: :star: :star: :star:

When a Stranger Calls/Uno Zoo in Fuga

Thursday, May 25th, 2006

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

When a Stranger Calls è l’ennesimo remake inutile, rifacimento del film omonimo del 1979. Questa nuova versione della pellicola, diretta dal britannico Simon West (Con Air, Tomb Raider) è la storia di una giovane baby-sitter che, nella casa in cui viene chiamata a lavorare, si ritrova perseguitata da uno sconosciuto che vuole ucciderla. In questo remake (nell’originale l’attrice che interpretava la baby-sitter era Carol Kane), il ruolo della protagonista è andato alla giovane e promettente (oltre che molto attraente) 20enne Camilla Belle, già vista in The Chumbscrubber ed Amori e Incantesimi. L’unica novità del rifacimento che merita di essere segnalata è l’ambientazione: la casa in cui si svolge il 90% del film, infatti, è una di quelle mega-ville ipertecnologiche che capita di vedere spesso nelle produzioni hollywoodiane, molto grande ed intricata, ma che anzichè aggiungere suspense o tensione, rende il tutto ancora meno credibile. La Belle non è male, la voce di Lance Henriksen (che “doppia” il killer) fa bene il suo lavoro, ma tutto il resto, in particolare la regia di West e la sceneggiatura, è da dimenticare. Peccato che il pubblico americano abbia gradito, facendo incassare al film quasi 50 milioni di dollari, una cifra di certo non molto elevata, ma che a fronte di un costo di 15 milioni, risulta sicuramente molto buona. :star: :halfstar:

Disney e Dreamworks sono tornate a fronteggiarsi con prodotti dalle caratteristiche molto simili. Se il Madagascar della società fondata da Spielberg, pur non eccellendo, era riuscito a portare un bel po’ di spettatori davanti al grande schermo, la corrispondente produzione Disney, uscita in contemporanea mondiale, non è riuscita a fare altrettanto. Uno Zoo in Fuga è una grossa occasione mancata. Un film costato davvero tanto, ben 70 milioni di dollari, rovinato da una trama che sa di già visto e, secondo me, da un doppiaggio che non fa leva su voci celebri come quelle della penultima ultima produzione Dreamworks. La storia è quella di un leoncino che viene spedito per sbaglio in Africa dallo zoo in cui “risiede” a New York. Il padre, aiutato da una banda di animali piuttosto improbabile, decide di andare alla sua ricerca, con gli esiti che tutti possiamo prevedere. La qualità dell’animazione è molto buona, il doppiaggio è azzeccato (Kiefer Sutherland è, come sempre, eccellente) e ci sono anche alcune sequenze piuttosto divertenti, decisamente di più che nel film “concorrente”, ma il risultato finale è inferiore, per i motivi indicati prima. Ribadisco una cosa che avevo già detto tempo fa, parlando di Chicken Little: l’acquisto di Pixar da parte della Disney ha permesso alla casa del topo di salvarsi, c’è poco da fare. :star: :star: :halfstar:

Prison Break: Season 1/Invasion: Season 1

Tuesday, May 23rd, 2006

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Di queste due serie, la cui prima stagione è terminata, in entrambi i casi, la scorsa settimana, avevo già parlato, come qualcuno di voi ricorderà, dopo aver visto i rispettivi pilot la scorsa estate. Il mio giudizio era stato positivo e, soprattutto, azzeccato, sia per la prima che per la seconda serie. Ma andiamo con ordine.

Prison Break, che tra l’altro è cominciata Giovedì scorso anche qui da noi, su Italia 1, si è rivelata la più interessante tra le nuove serie dell’ultima stagione televisiva. La storia è quella di un giovane architetto, Michael Scofield, che decide di farsi mandare in carcere per liberare il fratello Lincoln, ingiustamente accusato dell’omicidio di un personaggio di spicco e condannato a morte. Una volta dentro la prigione, l’uomo si allea con altri detenuti per elaborare un piano di fuga che gli consenta di portare a termine il suo obiettivo. E’ facile capire come finisca questa prima stagione e, soprattutto, cosa ci sarà nella seconda, che dovrebbe cominciare tra fine Agosto ed inizio Settembre sulla FOX americana. Gli elementi di punta della serie creata da Paul T. Scheuring (i cui credits comprendevano l’immondo Il Risolutore, con Vin Diesel) sono la forza del cast, la presenza di svariate sotto trame, a volte anche inaspettate, la tensione ed il ritmo sempre elevato. Certo, non ci sono colpi di scena clamorosi o, almeno, non come negli altri prodotti televisivi che gradisco, ma il risultato è comunque molto valido. I protagonisti sono due volti non troppo noti al grande pubblico: Michael è Wentworth Miller, attore inglese visto in La Macchia Umana ed in un paio di video di Mariah Carey (It’s Like That e We Belong Together), mentre Lincoln è Dominic Purcell, attore australiano conosciuto soprattutto per la sua interpretazione di Drake/Dracula nell’ultimo Blade. Tra gli altri, ci sono anche Robin Tunney, vista in Giovani Streghe e Giorni Contati (praticamente sembra di vedere Alexis Bledel fra 10 anni) e Peter Stormare, l’attore svedese che ha recitato in una marea di film di Spielberg, Bay (era l’astronauta russo in Armageddon) e dei fratelli Coen. Come già accennato, quindi, la serie non è affatto male. Il problema più grosso è rappresentato dal finale, ma a quanto pare si tratta di una tendenza piuttosto diffusa quest’anno. Certo, ci sarà una seconda stagione e, per questo motivo, gli sceneggiatori hanno deciso di lasciare tutto aperto. Non c’è il classico “cliffhanger” narrativo a cui siamo stati abituati da Lynch, Abrams e via dicendo e la fine del 22° episodio sembra proprio una normale conclusione di puntata che non un finale di stagione. A parte questo (l’episodio, preso a sè stante, si meriterebbe una stella e basta), la serie è altamente consigliata, per cui non perdetevela. :star: :star: :star: :halfstar:

Invasion, invece, che partirà da noi su Canale 5 fra qualche settimana, aveva ottime potenzialità, ma non è stata in grado di sfruttarle, probabilmente perchè ormai da mesi il network che la trasmetteva, la ABC, minacciava di cancellarla (e lo ha fatto una volta terminata questa prima stagione). La storia, ambientata in una piccola cittadina della Florida, è quella di due famiglie, gli Underlay ed i Varon, che devono affrontare le conseguenze di un uragano che ha colpito la città ed è anche stato la causa di una probabile invasione aliena che ha modificato i comportamenti di svariati abitanti del luogo, in primis alcuni membri dei due nuclei familiari. Un po’ Invasione degli Ultracorpi, un po’ dramma psicologico, la serie creata da Shaun Cassidy è partita molto a rilento, centellinando gli elementi da rivelare, per poi accelerare improvvisamente, con personaggi il cui comportamento cambia da un momento all’altro, e situazioni francamente assurde. Certo, non deve essere facile mandare avanti una serie con la spada di Damocle della cancellazione pronta a calare da un momento all’altro, ma gli sceneggiatori sono riusciti, nella seconda parte della stagione, a buttare via quanto di buono erano riusciti ad imbastire nella prima parte. Per carità, diciamo che si lascia ancora guardare, ma risulta in calo rispetto ai primi episodi. Nel cast, i volti noti sono pochi: c’è William Fichtner, attore visto in un sacco di film di successo (Armageddon, La Tempesta Perfetta e molti altri), che è uno dei protagonisti, un personaggio che risulta ambiguo fino al 13°/14° episodio, per poi mutare completamente (uno dei problemi di cui parlavo prima), c’è Kari Matchett, attrice canadese vista in un Cubo e nel bellissimo Cypher, c’è Eddie Cibrian, protagonista del telefilm Squadra Emergenza e c’è la giovane Alexis Dziena, la Lolita (la ragazzina che si mostrava completamente nuda) di Broken Flowers. Le cose si aggravano ulteriormente per colpa di un finale penoso, assolutamente non conclusivo, che lascia irrisolte svariate domande e si chiude, come nel caso illustrato prima, come un normale episodio e non come una season finale (o una series finale, considerando che non ci sarà una seconda stagione). La sufficienza alla fine c’è, ma vista la piega presa dalle ultime puntate, non era così scontata. :star: :star: :star:

Ti Amo in Tutte le Lingue del Mondo/Running Scared

Sunday, May 21st, 2006

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Come sapete, sono generalmente un critico piuttosto feroce del cinema italiano, per la sua propensione a sfornare un certo tipo di pellicole di facile consumo e di scarsa qualità (ammetto di non aver visto ancora nè Il Caimano di Moretti, nè Il Regista di Matrimoni di Bellocchio, nostri esponenti al Festival di Cannes che si tiene in questi giorni). Devo anche ammettere, però, che i film di Leonardo Pieraccioni, a parte i suoi ultimi due lavori, non mi sono mai dispiaciuti. Ti Amo in Tutte le Lingue del Mondo rientra in questa categoria. Si tratta, alla fine, di una commediola innocua, non volgare, che intrattiene piacevolmente per un’ora e mezza. La storia, bene o male, ricorda molto quella di tante altre dell’attore/regista fiorentino. Gilberto, il personaggio interpretato da Pieraccioni, è un insegnante di educazione fisica che, dopo aver lasciato la moglie a causa dell’infedeltà di lei, si innamora della bella Margherita. La donna, però, è anche la madre della 17enne Paolina (la bella 16enne Giulia Elettra Gorietti), un vero e proprio peperino innamorato di Gilberto, che lo mette spesso nei guai. Aggiungiamo all’equazione un paio di personaggi, dal ritardato fratello del protagonista (Panariello) al collega perennemente infoiato (Rocco Papaleo), dal preside della scuola (Francesco Guccini) ad un frate molto particolare (Ceccherini), ed il gioco è fatto. Il risultato, come già detto, è quello di una pellicola che non fa certo dell’originalità il suo punto di forza (si sa perfettamente cosa succederà decine di minuti prima che accada), ma che rimane comunque divertente e fa adeguatamente il suo lavoro. :star: :star: :star:

Dopo aver visto il trailer, l’opinione che mi ero fatto di Running Scared (diventato semplicemente Running in Italia) non era delle più buone. Mi è però capitato di vedere, in seguito, i primi sei minuti del film, che fortunatamente hanno mutato la mia opinione. La pellicola diretta da Wayne Kramer, regista di The Cooler e sceneggiatore di Mindhunters (di cui, invece, mi rifiuto di riportare il titolo italiano) è un action movie molto particolare, la storia di un criminale di mezza tacca, che ha il compito di “nascondere” le pistole usate dai suoi superiori per compiere vari delitti. Egli viene visto, mentre cerca di farne sparire una, dal figlio e dal migliore amico del ragazzo, che userà questa pistola per sparare al patrigno, che abusa spesso di lui. Da qui si verificherà una girandola di colpi di scena che porteranno ad un esito finale abbastanza inatteso. Il film di Kramer è, dal punto di vista registico, decisamente stiloso. Il regista sudafricano adotta uno stile che ricorda parecchio quello di Fincher, con zoom, piani sequenza digitali molto complessi e svariati tocchi di classe. Con l’aiuto di una fotografia dai colori desaturati e dall’aspetto sgranato ed una colonna sonora davvero fantastica composta da Mark Isham (anche se, a voler proprio essere sinceri, mi ha ricordato altri lavori del compositore americano), Kramer riesce a creare un’atmosfera quasi surreale, che rende meno “accesa” sia l’esagerata violenza di alcune sequenze (quella dell’hockey su tutte) che l’erotismo di una delle scene iniziali. Nel ruolo del protagonista c’è Paul Walker, che si comporta meglio del solito, affiancato da una brava Vera Farmiga, dal solito Chazz Palminteri e dal piccolo Cameron Bright, come sempre molto valido. La pellicola, come detto, non delude, e sarà apprezzata sia da chi ama il genere, sia da chi cerca di qualcosa che non sia il solito banale action thriller. Promosso. :star: :star: :star: :halfstar:



Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::spool_analytics() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311
ANTABUSE 500 MG 25 TABLETVENTOLIN APHEXhttp://flavors.me/reviolia