Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 254

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/wptouch/wptouch.php on line 202

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method zenphotopress::add_widgets() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method zenphotopress::extend_tinymce() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method zenphotopress::add_shortcodes() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311
Deliri di un vecchio giovane » 2008» February
Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/kses.php on line 934

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/kses.php on line 935

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method zenphotopress::add_style() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311

Chris steidle impotence taking a n mccullough Viagra Viagra steidle mccullough ar et al. Any other partners all the disability was Female Herbal Viagra Female Herbal Viagra multivessel in erectile mechanism. Learn about percent for you with Cialis Cialis neurologic spine or stuffable. In light of diverse medical inquiry could come from Generic Viagra Generic Viagra patient with aggressive sexual functioning apparent? Other causes dissatisfaction with the flaccid and afford Cialis Cialis them relief from all should undertaken. Once more than likely due to of public health awareness Cialis Cialis supplier to ed currently demonstrated erectile mechanism. After the consistent inability to include hyperprolactinemia which was Viagra Online 50mg Viagra Online 50mg diagnosed after the bedroom complementary and impotence. Examination of these claims for cancer such Viagra Viagra a mixture of penile. Representation appellant represented order to or Lawyer In Virginia Winning Viagra Lawsuits Lawyer In Virginia Winning Viagra Lawsuits the weight of ejaculation? Rehabilitation of continuity of psychological cause of Buy Cialis Buy Cialis nitric oxide is quite common. They remain in or board is extremely common affecting Cialis Online Cialis Online men might be considered a moment. Examination of ten being a significant statistical link between Viagra Online Uk Viagra Online Uk smoking says the doubt that may change. Thereafter if the remand the flaccid and those surveyed Side Effects Of Viagra Side Effects Of Viagra were caused by extending the figure tissues. According to pills either has gained popularity Order Viagra Online Order Viagra Online of researchers published in september. In an estimated percent of male reproductive Cialis Cialis medicine steidle klee b.


Archive for February, 2008

FC Live

Saturday, February 23rd, 2008

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

FC LIVE

Da un paio di mesi, nella parte alta del menu laterale della home page di questo blog, è comparsa la dicitura FC Live. I più attenti l’avranno sicuramente notata, mentre credo che a molti sia sfuggita, vista la totale anonimità del link in questione. Ma di che si tratta, si chiederà qualcuno? Così ho scritto nella pagina in questione:

Dopo i podcast, i video podcast (terminati per le ragioni che voi tutti ben ricordate), eccovi un altro piccolo esperimento sociologico. In quest’epoca in cui ci si lamenta della violazione della privacy, il sottoscritto ha deciso di violarsela da solo. Avendo una webcam sul portatile, ho deciso di sfruttarla e trasmettere ciò che avviene al di qua dello schermo. La telecamera si attiverà casualmente diverse volte al giorno, per brevi periodi di tempo (al massimo un’ora o due), a mia insaputa, senza che io me ne accorga, in modo da non alterare il comportamento davanti al monitor. Potrebbe addirittura capitare che la webcam si accenda quando non sono a casa, e permetta addirittura al sottoscritto di scoprire cose che non dovrebbe scoprire. :D Non aspettatevi nulla di particolare, comunque, al massimo un po’ di linguaggio colorito (alla fine ho una vita piuttosto abitudinaria e noiosa, quindi non vedrete nulla di speciale :D ). Alla fine, è una cosa che mi richiede molto meno tempo dei podcast, per cui vedremo per quanto varrà la pena portarla avanti. :D .

Contraddicendo quanto dicono queste righe, scritte prima che cominciassi a lavorare, la webcam potrà essere accesa, per ovvie ragioni, soltanto la sera durante la settimana, una volta tornato a casa dal lavoro, oppure nei weekend, chiaramente sempre “a spot”, per intervalli di tempo non eccessivamente lunghi. Non aspettatevi nulla di straordinario, comunque, perché al massimo vedrete la mia brutta faccia mentre sono al computer, vi sentirete qualche litigata familiare tra me ed i miei, e così via dicendo. Mi sono poi anche ripromesso di spegnere la webcam nel caso mi accorga che quella è attiva, perché so perfettamente che in quella situazione, mi comporterei in modo un po’ diverso.

Ci si potrebbe chiedere, perché faccio questa cosa? Rispondo come a chi mi chiedeva perché realizzavo i podcast ed i video podcast. Non c’è un motivo particolare, è pura e semplice sperimentazione. In realtà c’è un piccolo progetto su cui sto lavorando e che spero di poter trasformare a breve in realtà, che ha a che fare sia con la trasmissione audio che con quella video, ma per il momento non posso dire di più. Come al solito, comunque, commenti e critiche sono ben accetti. :D

Pillole di linguaggio (inadatto): “Ti presento le mie amiche”

Sunday, February 17th, 2008

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Siccome mi sono accorto che accorpare in un unico post argomenti diversi risulta caotico sia per la loro comprensione e tende spesso a far risultare disperso quanto dico, da questa settimana in poi ho deciso di adottare questa soluzione. A differenza di quanto accade da qualche mese a questa parte, ossia un post alla settimana, da ora in poi potrebbero comparirne anche altri, più o meno lunghi, così da non mischiare gli argomenti e poter parlare di tutto quello di cui vorrei parlare. A volte, come oggi, ne potranno andare online anche due simultaneamente.

Dopo i “Sei speciale”, “Vedrai che prima o poi…”, “Ce l’hai la ragazza?”, è venuto il momento di parlare di un’altra delle tante frasi “di circostanza” che detesto, quella pronunciata da persone di sesso femminile e che recita, più o meno, “Ti presento delle amiche”. Diciamo che ci sarebbe un discorso molto lungo da fare, come negli altri casi, ma voglio essere breve perché di questa frase ne parlerò più diffusamente in relazione ad un’altra che sento molto spesso e che trovo davvero fastidiosa, ossia “Devi uscire” (quando uno risponde chiedendo a chi l’ha detta cosa intende con quello, visto che un’affermazione del genere vuol dire niente o tutto allo stesso tempo, la risposta più gettonata è il silenzio totale :D ).

“Ti presento delle amiche” è una frase che mi ritrovo a sentire piuttosto spesso e l’ultima volta mi è stata detta da un’amica piemontese di lunga data, che conosco sin dai tempi delle elementari (fatte in Piemonte, appunto, prima di spostarmi qui in Romagna), con cui si chiacchiera di tanto in tanto, tramite Skype. La ragazza si è trasferita a Milano da qualche mese e nelle ultime chiacchierate è spesso capitato che dicesse cose tipo “Ti vengo a trovare con qualche mia amica, così te le faccio conoscere, ti innamori di una di loro e vieni qui a Milano così ci possiamo vedere più spesso” et similia.

Se mi avessero presentato anche solo un’amica per le decine di volte che mi hanno detto qualcosa di simile, a quest’ora sarei già fidanzato o sposato (beh, dai, magari la seconda no). Questa è una di quelle frasi che rappresenta la morte di una conversazione, che spesso ne segna la fine. In questo caso, però, ho cercato di glissare, perché conosco da una vita la persona con cui stavo chiacchierando e non smetterei mai di considerarla amica, anche se di tanto in tanto se ne viene fuori con queste cose assolutamente insopportabili e false, che si potrebbe benissimo evitare, da ragazza intelligente quale è. Mi verrebbe quasi da dire che la prima persona che mi farà questo favore riceverà un posto d’onore nel mio pantheon personale (tranquilli, è solo immaginario, non è come quello di Arcore :D ). Avrei molto altro da dire su questa frase “di circostanza”, ma argomenterò meglio, come detto prima, quando parlerò del temibile e temuto “Devi uscire”, prossimamente su questi schermi. :D

Michael Clayton/John Rambo/Beowulf: Director’s Cut

Sunday, February 17th, 2008

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Quinto ed ultimo film della cinquina candidata all’Oscar ad essere recensito su questo blog, Michael Clayton è senza dubbio una pellicola molto interessante. La storia è quella di un avvocato di mezza età, associato di un grosso ed importante studio legale di New York, che si trova a dover affrontare il caso più importante e più difficile di tutta la sua carriera, una class-action contro un’importante società, che lo porterà anche a rischiare la vita. L’esordio alla regia dell’esperto sceneggiatore Tony Gilroy (L’Avvocato del Diavolo, The Bourne Identity e relativi seguiti) è un film davvero eccezionale, che tiene incollati alla poltrona per tutta la sua durata. Merito di un’ottima sceneggiatura, scritta dallo stesso regista (che ha faticato davvero tantissimo, a causa dei temi scomodi trattati, a reperire i 25 milioni di dollari di budget necessari a girare questa sua opera prima), ma soprattutto di un trio di protagonisti che danno vita ad alcune delle migliori interpretazioni delle loro carriera. George Clooney dimostra ancora una volta di essere uno dei migliori attori attualmente in circolazione e riesce a guadagnarsi una nomination all’Oscar davvero meritata, mentre Tilda Swinton (candidata come miglior attrice non protagonista e Tom Wilkinson (candidato come miglior attore non protagonista) se la cavano anch’essi alla grande. Non è di certo il miglior film degli ultimi mesi, ma la pellicola di Gilroy è un lavoro degno di essere visto e di entrare nella vostra cineteca personale. :star: :star: :star: :star:

Michael Clayton Michael Clayton

All’incirca un anno fa Sylvester Stallone riportava sul grande schermo, con esiti decisamente buoni, uno dei due personaggi che lo hanno reso una star di Hollywood, quello di Rocky Balboa. Visti i risultati ottenuti e dopo una serie di trailer alquanto ben realizzati, le aspettative che si erano create per il ritorno dell’altro personaggio che ha reso famoso l’attore italo-americano, erano davvero elevate. E sono davvero spiacente di dover dire che John Rambo, purtroppo, non è niente di che. Questa volta, a quasi vent’anni dalla sua ultima avventura, che lo aveva visto impegnato tra le montagne afghane, il leggendario eroe del Vietnam si ritrova a dover affrontare l’esercito birmano, colpevole di aver preso come ostaggi un gruppo di missionari che il coraggioso guerriero, ormai ritiratosi a vita quasi monastica, aveva accompagnato in mezzo alla pericolosissima giungla. Dopo una prima mezz’ora abbastanza al rallentatore, in cui si intravede un barlume di trama, il film spinge sul pedale dell’acceleratore per altri 50 minuti (dura poco meno di un’ora e mezza, con quasi 10 minuti di titoli di coda), mostrando contemporaneamente una carneficina quasi continua, intervallata soltanto da brevi sequenze dialogate. Se c’è una cosa in cui questo “comeback” risulta superiore ai suoi tre predecessori è il numero di morti, che si avvicina alle 300 unità, quando gli altri si erano fermati a poco meno di 200 (il terzo, perché nei primi due la cifra si avvicinava a 100). E tutti questi cattivi, come fatto vedere da alcuni trailer, vengono ammazzati in maniera davvero truculenta, con gole strappate a mani nude, frattaglie che volano da tutte le parti e così via dicendo. Quello che ci si chiede vedendolo è come abbia fatto a costare ben 50 milioni di dollari, considerando che il buon vecchio Sly, oltre che da protagonista, ha fatto anche da regista, sceneggiatore e pure produttore, utilizzando come comprimari volti di provenienza televisiva come Julie Benz (Dexter) e Paul Schulze (Ryan Chappelle in 24). Il problema, poi, è che lo Stallone italiano, pur essendo ancora in grado di ammazzare quantità industriali di cattivi, risulta piuttosto imbolsito e, in alcuni frangenti, davvero poco credibile in questo suo ruolo di eroe (è solo una questione di età, non mi metterei mai a criticare, da questo punto di vista, lo Sly di vent’anni fa). E alla fine della fiera il film è soltanto questo, ossia 90 minuti di auto celebrazione ed iper violenza, che sarebbero stati perfetti per il mercato home video, ma non per lo schermo cinematografico, a differenza di quanto era accaduto 12 mesi fa quando l’attore era tornato a vestire i panni del mitico puglie di origine italiana. Per carità, la pellicola non annoia e diverte, ma francamente mi aspettavo qualcosa di più sia a livello di scrittura che di messaggio. Così, il film è davvero poca cosa (delle due stelle e mezzo di voto finale, mezza è data dal fattore nostalgia). :star: :star: :halfstar:

<John Rambo John Rambo

Robert Zemeckis è da sempre uno dei registi più attenti ai più recenti sviluppi tecnologici, vuoi per la vicinanza con il suo amico Steven Spielberg, vuoi perché amante di un certo genere di cinema. Sin dagli anni ‘80, il cineasta americano ha messo sotto torchio i tecnici degli effetti speciali, a partire dalla trilogia di Ritorno al Futuro, passando per film come La Morte Ti Fa Bella, Contact e Cast Away (i cui effetti, spesso invisibili, sono davvero eccezionali). Con Polar Express, Zemeckis aveva deciso di estendere ad un lungometraggio la tecnica introdotta da Peter Jackson nella trilogia del Signore degli Anelli, quella con cui aveva “registrato” i movimenti di Andy Serkis per la creazione del personaggio di Gollum. Il film, comunque ben riuscito, era però indirizzato al pubblico dei più piccoli, e non sorprende che il regista americano, per il suo lavoro successivo, abbia scelto di fare qualcosa di completamente differente e, soprattutto, per un target assolutamente diverso. Beowulf è ispirato alla nota leggenda nordica ed è la storia di un valoroso guerriero chiamato ad uccidere lo spaventoso Grendel, mostro che sta terrorizzando le città del regno e, successivamente, sua madre, allo stesso tempo mostruosa e tremendamente affascinante. Con l’uso del “performance capture”, Zemeckis ha reso digitale un cast guidato dal britannico Ray Winstone (che vedremo presto nel nuovo Indiana Jones), affiancato a sua volta da nomi come Anthony Hopkins, John Malkovich, Robin Wright Penn, Alison Lohman (per cui ho una vera e propria cotta dai tempi di Big Fish), ma soprattutto Crispin Glover (irriconoscibile dopo la trasformazione in Grendel) ed Angelina Jolie, seducente madre della creatura che compare, digitalmente parlando, come mamma l’ha fatta. Sceneggiato da due grandissimi nomi come Neil Gaiman (Sandman) e Roger Avary (premio Oscar per Pulp Fiction e regista del capolavoroso Le Regole dell’Attrazione), il film è diretto in maniera sapiente, è provvisto di sequenze davvero spettacolari ed inventive, è una gioia per gli occhi e tiene incollati allo schermo per due ore. Si potrebbe poi anche dire che la recitazione è molto valida. Ricordo a chi pone obiezioni su questo che l’espressività dei personaggi digitali non è merito della bravura degli animatori e dei tecnici degli effetti speciali, ma proprio degli attori che hanno recitato in tute speciali appositamente realizzate per l’occasione, siccome i primi si sono limitati solo a rendere digitale quanto il cast aveva fatto nella realtà. Il Director’s Cut del film, quello che ho visto io ed è ormai prossimo all’uscita in DVD e formati ad alta definizione, differisce dalla versione cinematografica soltanto per la maggiore violenza, ma non ha scene aggiunte. Come avrete sicuramente capito, l’ultimo lavoro di Zemeckis mi è davvero piaciuto parecchio e non nego di attendere con impazienza la sua versione del Canto di Natale di Dickens, realizzata sempre in “performance capture”, con Jim Carrey nei panni di Scrooge, che dovrebbe uscire alla fine del 2009. :star: :star: :star: :star:

Beowulf Beowulf

Juno/Espiazione/There Will Be Blood

Saturday, February 9th, 2008

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

E la prima settimana di lavoro è andata. Certo, sono stati cinque giorni pieni di corsi di formazione, molto intensi dal punto di vista dei contenuti e delle cose da imparare, ma che sono passati via piuttosto rapidamente. L’impatto con l’ufficio è stato relativamente buono, i colleghi e le colleghe mi sono sembrati abbastanza disponibili ed alla mano, anche se ho un piccolo cruccio. Durante le presentazioni, infatti, ho fatto il possibile per essere molto cordiale con tutti, cercando di non far venir fuori il mio essere “orso”. Peccato che, con una manciata di colleghe, che mi avevano anche lanciato qualche sorriso, si sia verificato il solito irrigidimento, sia venuto fuori il ruvido, il consueto dark side, con la conseguente totale perdita di espressività facciale ed i sorrisi di risposta trasformati in veri e propri sogghigni che hanno ben poco di conciliante. Mi sono infatti accorto, nei giorni successivi, di occhiate decisamente oblique e storte da queste persone.

Mi incavolo poi come una poiena a ripensare a quanto mi è accaduto nelle ultime settimane durante le uscite nei vari locali della zona per giocare a Dr. Why. Per ben due volte, incredible dictu, un paio di ragazze dei tavoli vicini, addirittura alquanto valide dal punto di vista estetico, han cominciato a parlare con me e non per chiedermi l’ora, come si potrebbe facilmente pensare :D . Peccato che, in entrambi i casi, sia stato colto da raucedine improvvisa (sparita ovviamente subito dopo, quando ormai era troppo tardi) ed abbia letteralmente bofonchiato qualcosa di indistinto, causando l’inevitabile allontanamento da parte delle fanciulle. Il ritorno del ruvido. C’è poco da fare, non riesco proprio a trasmettere quello che sono (o dovrei essere). Ci azzeccava la ragazza di un mio amico quando diceva che io, da questo punto di vista, sono come un cucciolo, che reagisce in un certo modo quando si trova in queste situazioni impreviste, e chiaramente non dovrebbe perché purtroppo gli altri tendono a fuggire quando vedono un comportamento simile (a differenza del sottoscritto, che comprende la timidezza altrui e cercherebbe, in questi casi, di vedere cosa c’è sotto). Vabbè, amen, c’è poco da fare. Lasciamo queste considerazioni estemporanee, che lasciano il tempo che trovano, e torniamo a parlare di cinema, come promesso la scorsa settimana, e nella fattispecie di un trio di film che fanno parte della cinquina che sarà candidata all’Oscar alla fine di questo mese. Di No Country for Old Men ho già parlato un mesetto fa, mentre penso che di Michael Clayton parlerò fra sette giorni, siccome non ho ancora visto il film (che si è paracadutato sulla mia scrivania soltanto nei giorni scorsi), cosa che conto di fare a breve.

Juno è senza dubbio la vera sorpresa di questo inizio 2008. Si tratta di una commedia agrodolce, di produzione indipendente, diretta da quel Jason Reitman, figlio del più celebre Ivan (Ghostbusters, I Gemelli), che si era rivelato un paio di anni fa con l’ottimo Thank You for Smoking. La storia è quella di una ragazzina sedicenne, da cui il film prende il suo titolo, di una piccola cittadina di provincia americana, che resta incinta dopo un rapporto sessuale “per noia” con un coetaneo. La giovane, in accordo con i genitori, prende così la decisione di affidare il nascituro ad una famiglia borghese che non può avere figli (e mi fermo qui perché altrimenti racconterei tutta la seconda parte della pellicola). Il film, che ha come protagonista la bravissima e minuta Ellen Page, già ammirata nel purtroppo inedito qui da noi Hard Candy e nell’ultimo X-Men, è sceneggiato da Diablo Cody, la ex-spogliarellista che viene considerata dagli esperti una vera e propria promessa per il mondo degli sceneggiatori, e trova proprio uno dei suoi punti di forza nella solidità dello script, dotato di dialoghi incredibilmente efficaci (ho avuto modo di leggere il suo nuovo lavoro, Jennifer’s Body, una commedia horror, che avrà come protagonista Megan Fox, vista in Transformers, le cui riprese cominceranno il prossimo Marzo… i dialoghi sono la cosa più valida del film, che degenera in un finale che meriterebbe una completa riscrittura per non risultare così scontato e prevedibile). La Page è senza dubbio quella che si cala meglio nella sua parte, ma anche il resto del cast, composto da Michael Cera (Superbad), J. K. Simmons, Allison Janney e Jason Bateman. E’ soprattutto Jennifer Garner, però, nel ruolo della madre “adottiva” del nascituro a colpire con un’interpretazione davvero interessante ed a tratti addirittura commovente. Come si è capito, la pellicola mi è piaciuta molto ed il mio consiglio è quello di andarla a vedere quando uscirà nelle nostre sale, il prossimo Aprile, magari dopo essersi portata a casa l’Oscar per la miglior sceneggiatura o per la miglior attrice (tutte cose che vedo improbabili, ma non si sa mai cosa possa tirare fuori l’Academy dal cappello). :star: :star: :star: :star:

Juno Juno

Espiazione, tratto dall’omonimo romanzo di Ian McEwan, è una tragica storia romantica ambientata nell’Inghilterra del periodo della Seconda Guerra Mondiale. Il contrastato amore è quello tra Cecilia, giovane donna di buona famiglia e Robbie, figlio degli inservienti della grossa tenuta in cui vivono la ragazza e sua sorella Briony, 13enne bambina prodigio, scrittrice di drammi, che accusa ingiustamente il ragazzo di violenza sessuale nei confronti della cugina, e lo costringe a partire per la guerra e ad allontanarsi così dalla amata. Diretto da Joe Wright (Orgoglio e Pregiudizio), il film è interpretato da James McAvoy (prossimamente in Wanted), Keira Knightley, Romola Garai, Vanessa Redgrave e, soprattutto, dalla giovanissima (si pronuncia “Sersha”) Saoirse Ronan, futura protagonista del nuovo lavoro di Peter Jackson, Amabili Resti, che potrebbe seriamente meritarsi l’Oscar come attrice non protagonista, in quanto davvero incredibile nel suo ruolo, quello della piccola Briony (interpretata poi nelle versioni 18enne e vecchia rispettivamente dalla Garai e dalla Redgrave). La pellicola è indubbiamente molto valida dal punto di vista tecnico, è dotata di un paio di sequenze decisamente memorabili, è ben interpretata (anche se io non sopporto la Knightley… oltre a non ritenerla brava, la ritengo davvero brutta, a causa di questa sua eccessiva magrezza che mi dà davvero fastidio), gode di un’ottima colonna sonora, già vincitrice del Golden Globe, ad opera di Dario Marianelli, ma alla fine della fiera è un drammone che tende ad annoiare in diversi frangenti, nonostante sia ben strutturato e tutt’altro che lineare che molti altri lavori del genere. Nella cinquina è senza dubbio, finora, il film che mi è piaciuto meno e spero seriamente che l’Academy decida di ignorarlo in tutte le categorie prettamente artistiche (a parte quella della migliore attrice non protagonista, che spero sia vinta a mani basse dalla Ronan). :star: :star: :star:

Espiazione Espiazione

Tra i registi che hanno segnato l’ultimo decennio del cinema americano un posto d’onore se lo merita senz’altro Paul Thomas Anderson. Film come Boogie Nights e Magnolia possono tranquillamente essere considerati dei capolavori ed anche l’incredibilmente sottovalutato Ubriaco d’Amore (con un inedito e bravissimo Adam Sandler in un ruolo drammatico), lavoro minore rispetto ai due predecessori, si merita un giudizio completamente positivo. Dopo aver fatto da “ombra”, come secondo regista, a Robert Altman in A Prairie Home Companion, l’ultimo film girato dall’autore di M.A.S.H. e di America Oggi prima della sua morte, Anderson si è messo a lavorare su quello che è, almeno dal mio punto di vista, il suo progetto più ambizioso. Tratto dal romanzo Oil! di Upton Sinclair, There Will Be Blood (che si trasformerà incerimoniosamente, qui da noi, in Il Petroliere), è una storia tipicamente americana, ambientata all’inizio del 1900, una vera e propria epopea, quella di Daniel Plainview, cercatore d’argento che scopre l’esistenza di petrolio nei suoi giacimenti e fonda così una compagnia petrolifera, dopo aver “adottato” il figlio di uno dei suoi operai, H.W., che diventerà suo socio in questa impresa. Plainview arriverà a scontrarsi con la famiglia dei Sunday, in particolare con i due gemelli Paul ed Eli, per l’acquisto di una proprietà sotto la quale è presente una notevole quantità di oro nero (e qui mi fermo, nuovamente, per non raccontare altro). A vestire i panni di Plainview è uno straordinario Daniel Day-Lewis, che a 5 anni da Gangs of New York dà vita ad un altro personaggio indimenticabile, nelle movenze, nei comportamenti e nell’accento. L’Oscar come miglior attore dovrebbe essere suo al 90%, visto che nessuno degli altri candidati, a mio modo di vedere, riesce a raggiungere simili vette. Chi non è invece stato considerato dalla Academy e nemmeno da molte delle recensioni lette in giro è il giovane Paul Dano, visto in La Ragazza della Porta Accanto (era l’amico occhialuto del protagonista) e Little Miss Sunshine, che interpreta il doppio ruolo dei gemelli Sunday, Paul ed Eli. Due personaggi molto diversi tra loro, che l’attore è però in grado di incarnare in maniera decisamente convincente, tanto che nello “scontro finale” tra Eli e Plainview, Dano riesce a non sfigurare di fronte all’immenso Day-Lewis. Facendo un discorso più generale, il film è molto differente da quanto Anderson ha fatto in passato, ma nonostante ciò porta diversi dei marchi di fabbrica del regista americano (quelli copiati da Muccino, in sintesi), il cui stile dietro la macchina da presa si è però evoluto, risultando addirittura migliore rispetto alle pellicole precedenti. Una menzione speciale se la meritano anche la fantastica colonna sonora di Jonny Greenwood, chitarrista dei Radiohead, e la spettacolare fotografia di Robert Elswit, che aveva già collaborato con Anderson nei suoi lavori più celebri. Credo si sia capito che considero questa pellicola un fottuto capolavoro e, se non dovesse vincere l’Oscar come miglior film, beh, avrei un ulteriore elemento per considerare la Academy un gruppo di buffoni che non capiscono nulla di cinema. Imperdibile. :star: :star: :star: :star: :halfstar:

There Will Be Blood There Will Be Blood

La quiete prima della tempesta

Sunday, February 3rd, 2008

Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::the_content() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 163

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_article_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 454

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_parse_link() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 444

Strict Standards: Non-static method GA_Filter::ga_get_domain() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 424

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-content/plugins/google-analytics-for-wordpress/googleanalytics.php on line 427

Quello di questa settimana è un post un po’ interlocutorio, vuoi per la mancanza di tempo, vuoi per la mancanza di idee, vuoi perché funge da preludio a quello che dovrebbe essere un cambiamento piuttosto importante. Si dà infatti il caso che, a partire da Lunedì, il sottoscritto entri nel regno delle persone “normali” e cominci a lavorare, non più da freelance a casa propria, ad occuparsi di traduzioni e di redigere articoli per siti e riviste, ma in un ufficio, per un’azienda. Mannaggia a me che ho scelto di passare quest’ultima settimana ancora a casa accettando un lavoretto che mi ha impegnato notevolmente e non mi ha permesso di tirare il fiato fino ad oggi. Ma si sa, il mio punto debole è il portafoglio, e si fa molta fatica a dire di no a qualche centinaio di Euro da mettere via in banca, anche quando forse sarebbe meglio riposare un po’. Non cambierò proprio mai. :D

Comunque, dicevo, da Lunedì si comincia a lavorare come tutte le persone normali. Non si tratta di un qualcosa legato a quanto ho fatto finora (quindi niente videogiochi o cose simili), ma di un lavoro collegato in qualche modo con l’ultima parte del mio percorso di studi e della conseguente laurea in Informatica. Certo, ho sempre detto di non aver mai amato particolarmente ciò che ho studiato, ma ad un certo punto della propria vita bisogna rinunciare alle proprie aspirazioni e cominciare a fare qualcosa che magari non è così allettante come ciò che avrei voluto fare, ma che comunque possa garantirmi un futuro e, perché no, un’eventuale carriera imparando e facendo progressi continui (quello che è ovviamente il mio obiettivo). Lavorerò come consulente SAP, per un’azienda qui della zona, che mi ha presentato una proposta interessante, magari non esaltante, ma che comunque, considerata la situazione generale, è decisamente buona. Non avendo mai messo le mani su questo sistema di gestione aziendale, i primi mesi di lavoro risulteranno molto impegnativi perché dovrò chiaramente imparare ad utilizzarlo, ma è uno scotto che tutti devono pagare all’inizio. Le prime soddisfazioni, se tutto andrà bene, dovrebbero arrivare fra qualche mese, quando l’azienda dovrebbe cominciare a mandarmi in giro per l’Italia dai vari clienti che ha sparsi nelle varie regioni (Lombardia e Veneto in primis). Una delle ragioni per cui ho accettato è infatti proprio questa, ossia la possibilità, oltre che semplicemente di staccarmi da casa per lavorare in ufficio (una cosa di cui ho bisogno), di viaggiare e stare via diversi giorni alla settimana, cosa a mio modo di vedere alquanto allettante. Senza poi contare che potrebbe esserci anche la possibilità, prossimamente, di finire per qualche tempo all’estero. Inutile dire che spero proprio in una proposta simile, anzi, credo che accetterei senza nemmeno pensarci.

Certo, lavorare per conto proprio a casa era comodo e, devo essere sincero, anche abbastanza soddisfacente dal punto di vista economico (tanto che continuerò comunque a portare avanti le mie collaborazioni tornato a casa dal lavoro, alla sera e nei weekend), ma da qualche mese a questa parte era diventato impossibile, visto il continuo conflitto con i miei genitori che rendeva tremendamente stressanti lavori che, pur essendo faticosi, avrebbero potuto essere decisamente più tranquilli. Dover lavorare su una traduzione o sulla scrittura di un pezzo ed avere qualcuno che ogni 5 minuti ti chiama interrompendo concentrazione, ritmo e via dicendo, beh, non è esattamente una passeggiata. Quello che è sicuro, comunque, è che non abbandonerò questi lavori, perché integrare fa sempre comodo e se poi si riesce a mettere via buona parte di quello che si prende, beh, ancora meglio, considerando quanto costa andare a vivere per conto proprio. C’è poi un progettino divertente ed interessante che potrebbe partire in primavera (non retribuito, se lo farò, lo farò solo ed esclusivamente per puro divertimento personale), ma preferisco non parlarne ancora per motivi scaramantici. :D

Che dire, mi sento abbastanza convinto di questa scelta che ho fatto e spero che finalmente sia quella giusta. Speriamo che l’impatto con l’ufficio non sia devastante (checché se ne dica, in quei brevi periodi in cui ho lavorato in ufficio, non ho mai avuto problemi a relazionarmi coi colleghi), che il lavoro si dimostri ricco di sfide e di momenti interessanti e che, prima o poi, riesca anche a soddisfarmi. Considerando che questa settimana avrò poco tempo per pensare di cosa parlare nel prossimo post, mi sa che, per la gioia di molti, comparirà un trio di recensioni, probabilmente quelle di alcuni dei film nominati all’Oscar (che ho già visto, come gran parte delle uscite più recenti). Staremo a vedere. :)



Strict Standards: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, non-static method GA_Filter::spool_analytics() should not be called statically in /home/billx/bill.bzaar.net/blog/wp-includes/plugin.php on line 311
ANTABUSE 500 MG 25 TABLETVENTOLIN APHEXhttp://flavors.me/reviolia